Milano, Filippine

Dal blog di un’amico, Samuele Falcone

(qui il link all’articolo originale:http://tropicalissimo.wordpress.com/2013/06/11/milan-philippines/ )

ITALIANO IN FONDO ALL’ARTICOLO (Italian Translation below)

???????????????????????????????

Connections and cultural mixes created by global migration can be surprising.

For this reason, if you are Milanese and you are going to explore the Philippines, you might find some information useful. It’s not only the Italian landscape that is being modified by foreign immigration, but also a piece of Italy is carried over by the citizens many miles away as demonstrated with the various “Little Italy” versions spread in the United Stated. Only this time, the difference is that the Filipino version of Little Italy are made by Filipinos themselves.

Filipinos are one of the most spread foreign nationals in Italy. In fact, for the last 9 years (2002-2011), Italy holds the most number of emmigrant Filipinos all over Europe at 33%, with Spain as the 2nd only at 15% (Commission on Filipino Overseas). Many of them live in Milan, and a big part of them are working in services dedicated to families, thanks to a human predisposition that Italians particularly appreciate. Onhttp://it.wikipedia.org/wiki/Milano we can observe that in 2011, only in Milan, 33,753 Filipino Citizens were registered by the Municipality: 2,55% of the inhabitants of Milan and the most numerous foreign nationality of the city. More than 130,000 Filipinos are spread all over Italy (2011 data, see http://it.wikipedia.org/wiki/Immigrazione_in_Italia).

The image of Italy benefits from this dynamics: many families now, thanks to the money sent from Italy, can send children to schools and to Universities. Some open a small business (the most evident are Internet Cafè, mini-stores and Beauty Salon) or they buy a transportation vehicle and make earnings out of it (a Jeepney, a taxi or a tricycle). Probably these are the most visible activities, but many more could be listed.

Those staying in Italy for a longer period can even afford to have a nice house built in the Philippines. The image of Italy in this way is the one of a cool country, a favorable destination, and signs of gratitude are spread in the urban landscape: it is easy to encounter a salon called “Milano”, a bar called “Amore” and many jeeps and taxi cabs go around with a symbolic Italian-flag sticker.

Just an hour out of Manila, in Batangas, I also saw a whole area called Milan or Milano from the locals. In this little town, many people migrated to Italy a couple of decades ago and now has built nice houses. These decent and comfortable homes will be used for them to stay once they are back home, some give them to the families they left behind, or they just use them for holidays waiting for the time to retire.

The way to Milan, as well as  many other destinations of the world where more than 2 million Filipinos migrated, (thanks to their knowledge and fluency of the English language, skills and dedication to work) is not always easy. It may be disseminated with adventures, troubles and stories that now are part of the culture of the country. These stories also inspired a very successful Filipino movie, entitled “Milan” which was shot in Milan (the movie was out in 2004 and main actors are Miss Claudine Barretto and Piolo Pascual, two of the biggest local movie stars, who played the role of immigrant workers). The movie’s main setting is Milan, but many scenes featured Rome, Venice, Verona and Como Lake as well.

If you will travel from Italy to the Philippines, you might find something familiar around and have an idea of the impact that immigration has also in the country of origin, not only on the one of destination. These, and a lot more other scenarios and influences are demonstrations of the scale of globalization happening not only between Filipinos and Italy but also all throughout the vastness of this diverse planet.

**************************ITALIANO***********************

Le connessioni e i  mescolamenti culturali che si vengono a creare con la migrazione globale a volte sono sorprendenti, e per questo motivo se siete Milanesi e andrete a visitare le Filippine, è bene sapere qualche cosa in merito. Non solo il paesaggio italiano è modificato dall’immigrazione straniera, ma qualche pezzo d’Italia allo stesso tempo si trasferisce a migliaia e migliaia di chilometri di distanza, come successe con le vecchie Little Italy in America. Con la differenza che le “Little Italy” nelle Filippine sono fatte dai Filippini stessi.

I Filippini costituiscono una delle comunità straniere più numerose in Italia. Moltissimi di questi sono a Milano e molti sono impiegati nel settore dei servizi per la famiglia, grazie a una predisposizione umana e caratteriale particolarmente apprezzati dagli Italiani. Suhttp://it.wikipedia.org/wiki/Milano leggiamo che al 2011 erano registrati – nella sola Milano – 33753 cittadini Filippini, il 2,55% della popolazione di Milano, risultando quella Filippina la nazionalità straniera più numerosa nel capoluogo lombardo! Più di 130000 sono i Filippini sparsi per l’Italia (sempre al 2011, vedihttp://it.wikipedia.org/wiki/Immigrazione_in_Italia).

Il risvolto in termini di immagine per il nostro paese è molto positivo: sono molte le famiglie che grazie ai soldi guadagnati da un componente in Italia riescono a mandare i figli a scuola e all’Università, oppure aprono una piccola attività (fra le più classiche l’Internet cafè, il mini-store o il parrucchiere) o acquistano un mezzo di trasporto con cui lavorare (una Jeepney, un taxi o anche solo una moto con annessa cabina passeggero, il tricycle). Probabilmente queste piccole attività sono le più visibili per strada, ma ne esistono molte altre.

Chi rimane in Italia per un tempo più lungo può anche costruirsi una bella casa dove vivere nelle Filippine. L’immagine che risulta dell’Italia è quella di un paese “cool”, una destinazione a cui guardare con favore, e la gratitudine non manca, puntellando il paesaggio urbano e non: è facile incontrare un salone da parrucchiere chiamato “Milano” e sono tante le Jeep o taxi a girare con un simbolico adesivo con il tricolore italiano. Per non parlare dei bar chiamati “Amore” e così via.

Appena fuori Manila, nella zona di Batangas, mi è capitato anche di incontrare un intero quartiere chiamato semplicemente Milan o Milano dai locali. Qui diverse persone emigrate in Italia hanno potuto costruirsi una bella casa dove vivono una volta rientrati, oppure vi abitano i loro parenti o semplicemente vi trascorrono le vacanze aspettando di ritrasferirsi una volta entrati in età da pensione.

Il cammino verso Milano (e le tantissime altre destinazioni nel mondo dove più di 2 milioni di Filippini sono emigrati, grazie alla loro buona conoscenza dell’Inglese) non è sempre facile ed è costellato da avventure, disavventure e storie che fanno ormai parte integrante della cultura del Paese. Da queste storie fra le altre cose è nato anche un film di grandissimo successo nelle Filippine, chiamato “Milan” e girato proprio a Milano (il film è uscito nel 2004 e gli attori principali sono Claudine Barretto e Piolo Pascual, due fra le più grandi star del cinema locale, nel ruolo di lavoratori filippini). Il film è girato a Milano (i protagonisti abitano nei pressi di viale Monza) ma comprende anche diverse scene a Roma, Venezia, Verona e sul Lago di Como.

Se vi capiterà di viaggiare dall’Italia alle Filippine, potrete trovare qua e là qualcosa di familiare e farvi un’idea dell’impatto dell’immigrazione in Italia anche in un paese di provenienza!

Informazioni su max moniaci

connecting italy and philippines
Questa voce è stata pubblicata in presentazione, turismo filippine e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...